A spasso con la Meraviglia

articolo di Wanda Cronio

Qualche tempo fa, inoltrandoci sul sentiero di un boschetto vicino ai laghi Gorghi Tondi e sbucando in un giardino abbandonato, abbiamo incrociato un “tizio” tutto vestito di nero. Camminava lento ma deciso sull’erba, per nulla pacifico quando si è accorto di noi, con delle lunghe zampe armate di chele.

Anche i bambini che un momento prima giocavano e si rincorrevano, hanno improvvisamente rallentato l’andatura avanzando con cautela, quasi a tempo di moviola. Non avevamo mai visto un tipo simile: buffo, nero e lucido. Toccandolo con un ramoscello secco si sollevava fingendo di aumentare di statura, gonfiando il petto per così dire… per sembrare un dragone e mettere paura. E aveva ragione di farlo, perché non era più lungo di un dito.

Austropotamobius, così si chiama, era un gambero di fiume. Si dice che i gamberi camminino all’indietro. Lui invece guardava avanti, oltre il fiume, mettendosi in viaggio tra aranci e mandarini.                                        

 

Altre News

Raccogliere frammenti

Articolo di Wanda Cronio Sono i bambini che raccolgono con infinita cura cocci, rottami, scaglie, brandelli e scarti dei più [...]

Primavera in Villa 2024

RASSEGNA TEATRALE A CURA DI SOLIDARIETA’ E AZIONE Gentili famiglie, Vi invitiamo a partecipare, insieme ai vostri figli, alla rassegna [...]

Il Sentimento del Tempo

articolo di Wanda Cronio Ci sono cose che esistono per ricordarci che vivono e che vivranno più di noi. Come [...]

Torna in cima